Polo Museale del Veneto

Da venerdì 26 maggio 2017, data dell'inaugurazione del Museo, la Collezione Salce sarà finalmente esposta nel cuore storico della città che l’ha vista nascere, a poca distanza dalla casa dove Nando Salce ne raccolse i pezzi (oggi I.S.R.A.A., in Borgo Mazzini).

Si stanno infatti per ultimare i lavori di ristrutturazione e allestimento degli spazi museali della prima delle due sedi del nuovo Museo, ovvero il Complesso di San Gaetano, con finalità espositive; il Complesso di Santa Margherita, con finalità conservative e di valorizzazione, sarà invece ultimato nel 2018.

Museo Nazionale Collezione Salce, sede di San Gaetano

L’ingresso del Museo affaccia sul sagrato della chiesa di San Gaetano/San Giovanni del tempio, non lontano dal complesso conventuale di Santa Caterina, oggi museo civico.

Il Museo si articola su quattro piani che ospitano spazi di servizio – accoglienza, bookshop, infopoint, toilettes – e superfici espositive appositamente ideate per i materiali grafici.

Esiguo ma attentamente e specificamente progettato, tale spazio espositivo non avrà un assetto permanente ma vivrà di mostre temporanee, tali da valorizzare il maggior numero di pezzi della Collezione nel rispetto delle esigenze conservative: la fragilità dei materiali cartacei, infatti, non è compatibile con una esposizione alla luce che si protragga per oltre quattro mesi.

Lo staff del Museo sta dunque lavorando al progetto inaugurale col quale, confidando di poter procrastinare ogni proposta più specificamente tematica a fasi successive, si intende rendere omaggio al collezionista Nando Salce proponendo il meglio della sua raccolta, connotandone in modo spettacolare la rinnovata presenza in città.

La mostra d’ apertura si intitolerà Illustri persuasioni. Capolavori pubblicitari dalla Collezione Salce e si articolerà in tre diversi momenti espositivi, dedicati ad altrettante periodizzazioni:

  1. La Belle Epoque;
  2. Tra le due guerre
  3. Dal secondo dopoguerra al 1962

L’intento è quello di dare visibilità, nel corso di un intero anno solare, a materiali che coprano l’intero arco cronologico della Collezione rappresentandone al meglio i valori artistici.

In occasione dell’ingresso al Museo, sarà possibile visitare, volendo, la chiesa di San Gaetano, edificio dei Cavalieri Templari ricco di storia e di opere d’arte.

Importanti, tra l’altro: il cinquecentesco monumento funebre a Ludovico Marcello; la ricca quadreria; i dipinti di Giovanni Battista Canal; l’organo settecentesco di Gaetano Callido, uno degli strumenti più preziosi presenti in città.