Polo Museale del Veneto

Piazza San Marco 63 
30124 Venezia 
Tel. 041 2967611
Fax 39 (0)41 2967608
sspsae-ve.archiviofoto@beniculturali.it

Direttore: 
Sichela.Sediari
Tel. 041 2967666
michela.sediari@beniculturali.it

Collaboratori: 
Marina Amuro 
tel. 041 2967617
marina.amuro@beniculturali.it

Diana Ziliotto 
tel. 041 2967633
diana.ziliotto@beniculturali.it

L'ufficio, nato come archivio sistematico intorno al 1940, svolge da sempre attività di supporto al lavoro della Soprintendenza. Conserva un patrimonio fotografico, che include anche immagini storiche, e documentazione relativa ai restauri condotti dall'istituto.

Il materiale in consultazione è di proprietà assoluta ed esclusiva dell'amministrazione dello Stato e costituisce un fondo permanente di cui si valgono gli uffici di Soprintendenza per le attività inerenti i propri compiti Istituzionali. La consultazione è quindi sottoposta a tutte le norme e disposizioni che regolano le pubblicazioni e la legge sul diritto d'autore.

 

Materiali fotografici

Il fondo comprende materiali fotografici positivi in bianco e nero e negativi su lastra e pellicola, nonchè fotocolor, diapositive e file digitali; hanno come oggetto opere d'arte per lo più mobili del territorio dei Comuni di Venezia e della Gronda lagunare e dei musei dipendenti: Gallerie dell'Accademia, Galleria G.Franchetti alla Cà d'Oro, Museo d'Arte Orientale e Museo di Palazzo Grimani.

Materiali relativi ai restauri e a indagini diagnostiche

Si tratta di materiali documentali cartacei (in genere relazioni di restauro), fotografici (per documentare il procedere dei lavori) e relativi a indagini diagnostiche (radiografie).

 

L'archivio ha in consegna un ricco fondo di circa 4000 fotografie storiche (Anderson, Alinari, Naya, Salviati, Taramelli, Bard) di cui molte all'albumina, databili a partire dalla fine dell'Ottocento. Dedicata soprattutto all'Arte Veneta, la raccolta è nata per precise esigenze di studio o di lavoro dei funzionari della Soprintendenza. Quasi ogni foto riporta sul verso, sul supporto o su buste raccoglitrici, appunti degli studiosi: ipotesi attributive, commenti, note e informazioni sull'opera fotografata. Dopo una ricognizione generale del fondo, nell'ottica di un miglioramento conservativo, nel 2004 è stato avviato un progetto di restauro, attualmente in fase conclusiva.

Servizio al pubblico

Per le opere d'arte di sua competenza, l'Archivio fornisce a studiosi e all'editoria riproduzioni a stampa in b/n e in formato digitale a colori ad alta risoluzione. Per opere del territorio della città di Venezia e dei comuni Gronda lagunare, di cui non si detiene la proprietà, l'ufficio può fornire le riproduzioni di cui dispone, previa autorizzazione del detentore dei diritti (Curia Patriarcale, Confraternite, ecc.)

L'Archivio fotografico effettua servizi di vendita al pubblico.

Secondo le disposizioni di legge la richiesta deve essere motivata e corredata di informazioni in merito all'utilizzo delle immagini, in particolare sulla tiratura e il prezzo di copertina in caso di pubblicazione.

Esaminata la richiesta e verificata la disponibilità delle immagini, l'ufficio farà pervenire all'interessato il preventivo di spesa con le modalità di pagamento, provvederà quindi - ricevuto o presentato l'attestato del corretto pagamento - all'invio o alla consegna del materiale fotografico.

La direzione si riserva di non accettare l'esecuzione di nuove foto, qualora motivi tecnici o di sicurezza non lo consentano.

Le richieste vanno presentate a mano o inviate per lettera o per fax.o e-mail

Pagamento

I pagamenti variano a seconda della fornitura e in relazione al fatto che l'immagine sia destinata o meno ad essere pubblicata. I pagamenti dall'Italia si effettuano su conto corrente postale; dall'estero con bonifico bancario.

L'Ufficio non emette fatture, emette una liberatoria che ha la stessa validità a tutti gli effetti di legge.

Esenzioni

Si rimanda agli art. 106 - 107 -108 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.